GIULIO IELARDI NATURE PHOTOGRAPHY

WORKSHOPS - THE DAY AFTER



 
 


Comments

Ciao Ans !
La prima. Ben composta, solo la luce non è il massimo no ?
Seconda. Soggetto così così e meglio non avere dietro cose tagliate a metà .. :-(
Terza. Come la prima. Con inquadrature come questa suggerisco sempre di decentrare, mettendo i soggetti più in su o più in giù. Io avrei scelto più in su, evitando così di tagliare i riflessi sull'acqua.
Quarta. Semplice semplice: mi piace !
Quinta. Eh, quel lichene così colorato ha attratto naturalmente molti. Devo dire che non è un soggetto facile. Forse l'avrei affrontato puntando al massimo ingrandimento, cercando insomma di riempire l'inquadratura col verde: ma ci voleva un macro al max ingrandimento e probabilmente anche uno o più tubi di prolunga.
Sesta. Quei germogli (precoci, in quest'inverno anomalo) erano davvero interessanti, sì. Non so voi, io avrei cercato in tutti i modi di escludere il fusto del ramo perchè troppo greve rispetto all'esilità dei getti novelli. E quindi magari riempire l'inquadratura con due getti verticali, uno in primo piano (sfocato) e uno dietro (a fuoco).
Settima. Buon soggetto, no ? Avrei cercato un'angolazione migliore, perchè era il controluce che "accendeva" i fiori secchi: quindi spostandosi lateralmente oppure con un punto di ripresa più basso (ahia, la schiena ..;-)). Visto quella di Anita ?
Ottava. Buona ma potevi fare di meglio. Come ti ho detto sul campo, con quei tempi di scatto (dell'ordine del mezzo secondo) è quasi indispensabile usare l'autoscatto o meglio ancora il telecomando.

Reply
Ans Gelderman
01/29/2012 9:55am

Ciao Giulio,
sono d'accordo con i tuoi commenti. Grazie.
Per la terza avrei preferito più spazio sopra, perchè mi piace la trama dell'acqua.
Ci sentiamo. Ciao.
Ans

Reply



Leave a Reply



copyright© Giulio Ielardi 2009-2012 - designed by Dario Ielardi